December 17, 2017

Domenica 17 luglio un cielo terso e senza nubi salutava la “Festa dël Piemont” all’Assietta, ma sapevamo che nubi tricolorate l’avrebbero funestata e proprio per quello Piemonte Stato era là. Infatti alle 8:30, quando ancora nessuno era presente nel luogo dove si sarebbe celebrata la S.Messa, dei nostri esponenti erano là per vedere come si sarebbero piazzate le bandiere. Una volta arrivato l’addetto, ed appurato che il Drapò sarebbe stato issato sul pennone più basso, abbiamo richiesto se, data la festa del PIEMONTE, non si poteva piazzare su quello più alto e se, per correttezza storica ed in occasione dei 600 anni della nascita del Ducato di Savoia, non si potevano sostituire le incongruenti bandiere francesi e italiane con quella della Savoia e Nizza che con il Piemonte costituivano quel Ducato. Dapprima ci è stato detto che le bandiere si mettevano così perché erano sempre state messe così, poi perché è una disposizione del Comune, poi perché è la Regione che lo stabilisce ed infine perché è stabilito dal cerimoniale dell’Associazione concordato con la Regione. Verificheremo. Ovviamente le nostre rimostranze non sono state accettate, e prossimi alla Messa, in occasione dell’inno di Mameli abbiamo issato il nostro striscione “Ëstat ëd Savòja liber” che ha capeggiato per tutta la funzione e abbiamo dato le spalle in segno di protesta. Alla fine della celebrazione, per l’ennesima volta, si è tentato di travisare la storia leggendola in chiave italiana; a quel punto abbiamo tirato fuori il megafono ed abbiamo puntualizzato che quando veniva detto non era corretto oltre che non era giustificata le numerosa presenza di militari italiani. A quel punto sono venuti a “trovarci” i Carabinieri che ci hanno detto sono stati mandati per via di una segnalazione. Posso assicurare che, a dispetto di come potrebbe sembrare, i Carabinieri in questione sono stati molto cortesi e decisamente più aperti di chi li ha mandati. In seguito, mentre tutti andavano alla Testa dell’Assietta e dove è stata suonata “la leggenda del Piave” (ma cosa c’entra???) abbiamo nuovamente esposto lo striscione nel prato sottostante in maniera che fosse ben visibile il nostro messaggio. Un ringraziamento a tutti coloro che si sono uniti a noi ed in particolare va ai Savoisien David Revillard venuto appositamente per sostenerci come i fantastici Fabrice e Valerie Dugerdil degli Etat de Savoie che sono sempre presenti in prima linea sia per la Savoia sia per il Piemonte con i quali abbiamo passato il resto della giornata. Ovviamente non si sono fatte attendere le critiche dei sedicenti piemontesisti per le virgole sbagliate e gli accenti messi di qua invece che di là, ma lo sapevamo già. La battaglia è appena iniziata…

Ëstat

Festa dël Piemont 2016
Dì ‘d dùminica disset ëd Luj un cel sclint a salutava la Festa dël Piemont a l’Assieta, ma i savìo che ‘d nìvole tricolor a l’avrìo naciala e pròpe për lolì Piemont Ëstat a l’era ambelelà. Bonora a euit ore e mesa, quande che gnun a l’era già rivàie andoa a sarìa celebrasse la Santa Mëssa, d’esponent dij nòst a j’ero là për veje com a sarìo inastàsse ij drapò.
Ch’ora ch’a l’é rivaie l’adet e ch’ora ch’i l’oma capì che ‘l drapò a sarìa stàit inastà a la pertia la pi curta, i l’oma ciamà, dagià ch’a l’era la Festa dël PIEMONT, s’as podìa inastélo an sla pertia pi àuta e se, për coretëssa stòrica e për momorié ij sessent agn dla nassensa dël Ducà ‘d Savòja, as podìa dcò rampiassé ij drapò foravìa dla Fransa e dl’Italia con coj dla Savòja e ‘d Nissa, che ansema ‘l Piemont a fasìo sù ‘l dit ducà.
An prinsipi a l’han dine che ‘j drapò as butavo parèj përchè ch’a l’é tavòta fasse parèj, peui përchè ch’a l’é ‘n deuit ëd la Comun-a, peui përchè ch’a l’é ‘n deuit pijà da la Region, e dëspeui ancora përchè ch’a l’é ‘l rit ëstablì da l’Associassion con la Region. I cotrolëroma.
Com a l’é ciàir ch’a sia nòste armarche a son stàite arpossà, e, doant ëd la Mëssa, quand ch’a l’é tacà la pompa ‘d Mameli, i l’oma dësvlupà nòst bandel “Ëstat ëd Savòja lìber”, ch’a l’é stàit ës-ciairà për tuta la fonsion mentre ch’i j’avìo lë spale tornà për protesta.
A la fin dla mëssa, torna n’àutra vira, a l’é vorsùsse straviré la stòria contandla pèj ‘d na gesta italian-a; a cola mira i l’oma tirà fòra ‘l torciareu e i l’oma armarà che lòn ch’as disìa a l’era nen giust, e dzortut a l’era nen giustificà la presensa dij militar italian. A cola mira a son vnù a trovene ij carabigné che a l’han dine che a son stàit mandà apress na signalassion.
I peuss assiguré che ij carabigné a son stàit motobin cortèis e motobin pi duvert ëd chi ch’a l’ha mandaje. Apress, mentre che tuit a andasìo a la Testa dl’Assieta, anté ch’a l’han sonà “la Leggenda del Piave” (ma cos diav ch’a-i rintra?) i l’oma torna sporzù ‘l bandel ant ël prà dë dsota ëd manera ch’a fuissa belfé s-ciairélo.
I armersioma tuit lor ch’a son unìsse a nojèitri e dzortut ij savojin David Revillard, ch’a l’é vnùit espress për sostnìne, parèj dij fantàstich Fabrice e Valerie Dugerdil dl’Etat de Savoie che a son sempe present an prima linia për la Savòja e pr’ël Piemont, e con lor i l’oma passà la resta dla giornà.
Com ao sòlit dun-a dòp a son rivà ‘d crìtiche da ‘d quei piemonteisista pi pistin për la virla fòra ‘d pòst e j’acent ant un vers e nen ant l’àutr, ma a fà pa nen. La bataja a l’é pen-a antamnà.

Comments are closed.