October 18, 2017

Ovviamente, parlando delle Valli di Lanzo, ci riferiamo alla Città Metropolitana di Torino. Fantasma perché, semplicemente, non risponde praticamente agli appelli che le vengono rivolti per, nel caso che vogliamo trattare oggi, le tratte stradali di sua competenza. Perché troppe volte la cittadinanza punta il dito accusatorio sulla persona sbagliata, e cioè, il Sindaco. Noi, volendoci occupare di casi ormai annosi che versano sulle tratte provinciali nel Comune di Pessinetto, abbiamo inviato richiesta formale al Municipio di poter prendere visione degli atti nei quali il Comune ha più e più volte sollecitato la Città Metropolitana ad intervenire.
Ringraziamo il sig. Sindaco Gianluca Togliatti per la completa disponibilità che, con un sorriso, ci ha mostrato “solo” le richieste dal 2016, senò ci saremmo persi…
Ora, scremando le richieste di interventi minori, vi riportiamo solo quelli ritenuti più urgenti e potenzialmente, anzi, effettivamente, pericolosi.
• Per quanto riguarda il “cedimento stradale in fraz. Mombresto” vi sono 5 segnalazioni del: 9/1, 27/1, 10/3, 26/11 nel 2016 e l’ultima il 27/3 del corrente anno.
• Per quanto riguarda “sistemazione versante in frana in località Ca’ di Spagna” abbiamo 3 segnalazioni del 10/3 e del 26/10 nel 2016 e del 18/2 del 2017.
• Per quanto riguarda “intervento di ripristino asfalto in lo. Gisola sono state comunicate 3 segnalazioni del 8/8, 13/8 e 22/10 del 2016.
A queste ha fatto seguito il silenzio dei fatti.
Vorremmo trattare questo argomento assolutamente da non sottovalutare perché, oltre all’evidente pericolo di un cedimento o di una frana, anche delle “semplici” buche più o meno (sempre più sovente “più”) profonde, possono comportare danni e disguidi. Il primo è economico: senza arrivare al caso di centrare in pieno una buca con un danno immediato e importante, quanto mai facile in caso di pioggia dove la buca viene nascosta dall’acqua, il continuo lavoro a cui sono sottoposti gli ammortizzatori li farà durare di meno. Chiedete ad un meccanico, noi lo abbiamo fatto.
Bisogna poi rilevare che nel caso dovessimo prendere una buca, la macchina potrebbe sbandare, andando in questo caso a mettere a repentaglio l’incolumità nostra e quella altrui.
Tutto questo per ribadire due concetti: invitiamo la cittadinanza a partecipare attivamente alla vita politica della propria comunità, e a prendersela con le persone giuste.
L’ultima considerazione evidente è che tutto questo è per colpa di uno Stato accentratore e menefreghista, lontano e disinteressato alla popolazione. Tutto ciò non avverrebbe con uno Stato più piccolo, vicino ai cittadini, dove, con la possibilità dell’attuazione della democrazia diretta (impossibile in uno Stato di grandi dimensioni) sarebbe sempre la popolazione a decidere (modello svizzero).
Tutto questo si può: si chiama indipendenza.

IMG-20170427-WA0002

IMG-20170427-WA0008

Di seguito pubblichiamo la lettera che abbiamo inviato al Consigliere delegato Antonino Iaria e al dirigente Matteo Tizzani che sono i responsabili per la viabilità.
Invitiamo tutti i cittadini delle Valli ed i villeggianti ed i visitatori a fare lo stesso per fare pressione a questi individui affinché provvedano il più presto.
All’attenzione del sig. Antonino Iaria/ Matteo Tizzani
Buongiorno, Le scrivo in merito alle ripetute richieste di interventi da parte del Comune di Pessinetto sui tratti stradali di competenza della Città Metropolitana.
Capisco che l’incolumità dei cittadini, soprattutto di quelli di montagna, così pochi e inutili a fini elettorali, non sia di interesse alla politica, ma, dato che è pagato anche grazie alle nostre tasse, mi sembrerebbe comunque doveroso un suo pronto interessamento.
Si tratta di criticità anche importanti come cedimenti stradali e versanti in frana.
Vorrei sapere come mai in più di un anno di ripetute richieste non si è mai intervenuto per sistemare situazioni così pericolose.
Grazie
Saluti
Fabrizio Pettinato sez.Valli di Lanzo Movimento politico indipendentista Piemonte Stato

La Sità (Metropolitan-a) fantasma.

A l’é ciàir, an parland dle Val ëd Lans, ch’is riferoma a la Sità Metropolitan-a ‘d Turin. Fantasma dagià che an pratica a rëspond nen a le ciamade ch’a-j ven-o adressà e ch’a rësguardo, an cost cas-sì ch’i tratoma, le stra ‘d soa competensa. Përchè tròpe vire ij sitadin a ponto ‘l dil acusatòri contra la përson-a sbalià, visadì ‘l Sìndich. Nojàutri, ch’i voroma ocupesse dla situassion greva oramai da agn, ëd le stra provinciaj ant la Comun-a ‘d Psinaj, i l’oma spedì n’arcesta formal al Munissipi për podèj visioné j’at anté che la Comun-a a l’ha cissà vàire e vàire vire la Sità Metropolitan-a për ch’a antërven-a.
I ringrassioma Sor Sìndich Gianluca Tojàt për tuta soa disponibilità che, con un soris, a l’ha mostrane “mach” j’arceste dal 2016 an sa, dësnò i sarìo perdusse…
Adess, gavand j’arceste dj’antërvent pì contnù, i v’arportoma mach coj ch’a son valutà coma ij pì pressant e ch’a podrìo vnì, ansi ch’a son già, ij pì arzigos.

• Për lòn ch’a rësguarda ‘l “cediment stradal an frassion Mombrest” a-i é 5 signalassion: 9/1, 27/1, 10/3, 26/11 dël 2016 e l’ùltima al 27/3 dë st’ann-sì.
• Për lòn ch’a rësguarda la “sistemassion piovent an smota an località Ca dë Spagna” i l’oma 3 signalassion dël 10/3 e dël 26/10 ant ël 2016 e dël 18/2 ant ël 2017.
• Për lòn ch’a rësguarda l’ “antërvent d’arneuv ëd l’asfalt an località Gisòla” a son stàite comunicà 3 signalassion: 8/8, 13/8 e 22/10 dël 2016.

Dapress a tut sòn a-i é staje mach ël silensi dij fàit.

I vorërìo traté cost argoment nen d’autut da pijé sot-gamba përchè, oltra a l’arzigh evident provocà da un cediment o na smota, fin-a le tampe pì o manch (sempre pì soens ëd “pì”) ancreuse, a peulo causé d’assident e ‘d dëscàpit. Prima ‘d tut econòmich: sensa rivé al cas ëd ciapé na tampa pròpi ‘nt ël bon con un dann dirèt e bondos, tant pì belfé quand ch’a l’ha piovù e le tampe a resto stërmà sota ij paciòch; bele mach ël travaj continuà che j’amortiseur a son sogetà, a-j farà duré ‘d meno. Ciameje un pòch a ‘n mecànich, nojàutri i l’oma falo. A venta dì peui che ‘nt ël cas ch’i ciapoma na tampa, la màchina a podrìa sbandé, parèj da buté an perìcol nòstra antegrità e cola dj’àutri.
Tut sòn mach për confermé doi concet: anvitoma la popolassion a partessipé ativament a la vita polìtica ‘d soa comunità, e a pijess-la con le përson-e giuste.

L’ùltima considerassion evidenta a l’é che tut sòn a càpita për colpa ‘d në Stat sentrador e dzantëressà, leugn e dëscostà dai sitadin. Sossì a capitërìa nen ant në Stat pì cit e pì davzin ai sitadin, andoa che, con la possibilità dla realisassion dla democrassìa dirëtta (impossibil ant në Stat ëd gròssa taja) a sarìa donca la popolassion a pijé le decision (parèj dël model ësvìsser).
Tut lolì a l’é possìbil: a së s-ciama indipendensa.

Comments are closed.